Legal Trends

Il settore legale è sempre apparso refrattario ai cambiamenti e impermeabile alla rivoluzione tecnologica in atto.
L’elevata età media dei maker decision, la paura di innovare, la giustificazione di trattare informazioni altamente riservate ha rallentato, se non bloccato ogni approccio alla trasformazione digitale.
Ancora molti gli Avvocati che con orgoglio si fanno stampare le mail dalla segretaria o dai colleghi più giovani e alle quali, con pari snobbismo intellettuale, rispondono a penna.

Tuttavia gli enormi progressi tecnologici degli ultimi anni e gli indiscutibili vantaggi in termini di semplificazione e risparmio di tempo e risorse, hanno evidenziato, anche ai più scettici, le grandi opportunità delle tecnologie digitali e le enormi potenzialità per la professione forense.

In questi ultimi cinque anni sono stati compiuti passi importanti anche nel settore legale e quelle che fino a pochi anni addietro sembravano innovazioni, sono oggi tecnologie comuni e imprescindibili minimi comuni denominatori.
All’orizzonte si affacciano già tecnologie davvero rivoluzionarie, quasi fantascientifiche con cui sarebbe bene cominciare a prendere rapidamente confidenza perchè il processo di innovazione è in atto e questa volta non attenderà nessuno.

Di seguito solo alcune delle principali tendenze che interesseranno il settore legale nei prossimi anni:

Machine Learning e Avvocati Robot
Parliamo di tecnologie gia in uso dal 2017 in alcuni medio-grandi Studi Legali anche italiani. Software capaci di auto apprendere (dopo una prima fase di addestramento) dall’esperienza quotidianan e di ricercare in atti, contratti, norme specifiche parole chiave, clausole, anomalie, e la giurisprundenza e dottrina di riferimento. La velocità, la precisione e l’economicità del processo sono ovviamente non comparabili a quella umana e miglioreranno nel tempo.

Non mancano esempi di Avvocati Robot come “Do Not Pay” una App supportata dall’IA che aiuta le persone a contestare le multe per divieto di sosta. Utilizzando l’intelligenza artificiale, l’app Do Not Pay ha annullato circa  375.000 contravvenzioni negli ultimi due anni in  per un importo di 3 mln/$.

Servizi legali online
La professione legale è sempre più percepita come un servizio e non mancano già oggi piattaforme online che forniscono in remoto e a costi contenuti atti e consulenza. Questa tendenza è certamente destinata a consolidarsi già nel prossimo futuro e sempre più spesso dialogheremo via chat o in videoconferenza con avvocati che non conosciamo e con i quali non abbiamo alcun tipo di rapporto fiduciario.
Milioni di clienti e alcuni innovativi avvocati sono già pronti e attivi nel fornire servizi legali avanzati con il supporto delle tecnologie digitali. I primi beneficiano di una vasta scelta di professionisti e della possibilità di ricevere servizi di pari qualità a costi più contenuti; gli avvocati da parte loro ottengono vantaggi in termini di maggiore libertà personale, ottimizzazione dei tempi, maggiore produttività, minori costi di gestione e dunque maggior fatturato.

Monitoraggio delle prestazioni
L’attività di monitoraggio delle performance, del fatturato, dei costi e la loro attività previsionale è una attività (cd. Business Analytics) già in uso da decenni presso moltissime aziende.
La crescita dimensionale degli Studi Legali, una rinnovata concezione della professione legale, adesso considerata anche in Italia una fornitura di servizi (commodity), recenti interventi normativi hanno trasformato gli Studi Legali in vere e proprie aziende e come tali considerate anche dalla EU.

Quali aziende di servizi, gli Studi Legali si trovono nella necessità di esercitare un attento controllo di gestione, strategie di marketing, previsioni di fatturato e, nel caso specifico, anche una valutazione delle vittorie e delle perdite di una causa o di un procedimento, nonchè delle performance di ciascun profssionista, quanti clienti porta, quanto fatturato genera allo Studio e la percentuale di vittoria o di risoluzione positiva di una pratica.
La Legal Predictive Analytics rende estremamente semplice fare questo tipo di attività di analisi previsionali e aiuta a definire quali tipologie di controversie sono le più profittevoli, quali hanno la più elevata percentuale di vittoria, quali sono i professionisti più idonei alla loro trattazione.

Mobilità
Il 90% degli Avvocati sono interessati dalla crescente mobilità che sta interessando tutta la società e le professioni. I dispositivi mobili (smarphone, tablet, portatili) consentono agli avvocati di allontanarsi più frequentemente dallo Studio e di rimanere comunque in contatto con clienti, colleghi e collaboratori, pur lavorando ma in mobilità.
Telefonate, videochiamate, WhatsApp aiutano ad essere sempre raggiungibili, efficienti e di
risparmiare tempo sugli spostamenti. I dispositivi mobili consentono di aumentare esponenzialmente le ore fatturabili e di ridurre i costi di gestione del cliente per viaggi e spostamenti. Gli indubbi vantaggi non solo economici apportati dalle tecnologie mobili porterà la totalità dei professionisti a farne un uso diffuso e professionale.

La professione legale vede all’orizzonte e questi e altri cambiamenti; cambiamenti tecnologici, logici, sociali, la presenza di entità non umane nella gestione di alcuni segmenti legali. La professione dell’avvocato, come intesa e praticata fino ad ora, subirà cambiamenti davvero epocali. Tecnologia, marketing, Intelligenza Artificiale, mobilità spinta e competenze variegate e sempre cangianti sarano le caratteristiche dell’avvocato dei prossimi anni.

 

Latest Posts from iLAWYERS